Download Free Templates http://bigtheme.net/ Websites Templates

Johannes Brahms

1833-1897

09 - Giugno - 2016

Il critico musicale Eduard Hanslick, contemporaneo del compositore, indicò in Brahms l'antagonista della "musica avveniristica" wagneriana, ascrivibile a quel filone romantico (al quale appartenevano anche Liszt e Berlioz) che intendeva trasferire nell'opera musicale i tratti letterari e collocava il fatto musicale all'interno di un programma che, affermando l'emancipazione rispetto al rigido impianto formale classico, ricercava una maggiore libertà espressiva.

 

Il secondo romanticismo musicale tedesco, turbato dal titanismo estremo di Richard Wagner, è invece attraversato da una profonda intimità in Brahms, nel quale la severa continuità con la tradizione classica si armonizza con il ricorso ad accenti romantici. La musica brahmsiana, orientata a un vivido sinfonismo e segnata dal sistematico spirito di rivisitazione della struttura compositiva, meditata e sofferta, si accompagna a una tendenza a prediligere la spontaneità dei tratti della musica popolare viennese e ungherese. La trama musicale, adagiata nello spirito di riflessione e ripiegamento, esprime un senso di affettiva profondità e di dolcezza poetica (soprattutto nell'ultima produzione pianistica e sinfonica).

 

 

In realtà fu la critica a fare di Brahms un epigono del classicismo, contrapposto a Wagner. Il suo rifiuto dell'"avvenirismo" wagneriano e l'estraneità al teatro musicale ne fecero un esponente di un filone in controtendenza rispetto alle avanguardie. Dal punto di vista della tecnica musicale Brahms fu tuttavia moderno allo stesso modo dei moderni suoi presunti "concorrenti". Nella fusione delle tecniche e nella ripetizione di generi il musicista amburghese esprimeva la propria anima decadente, rivolta alla reinterpretazione del passato, ma in forme diverse e innovative.

 

Questi brani sono stati da noi eseguiti in 621concerti realizzati nei seguenti teatri e città: Rapallo, Portofino, S.Margheritra Lig., Genova, Torino, Milano, La spezia, Udine, Venezia, Roma, Messina, Napoli, Monaco di Baviera, S.Pietroburgo, Tokyo, Parigi, Londra, New York, Stoccolma...

Bach
Beethoven
Mozart
Brahms
Concerti ed Autori
Paganini
SCHUBERT
SCHUMANN
RACHMANINOV
CHOPIN
CORELLI
De Falla
DVORAK
Debussy
FAURE'
GRIEG
Listzt
Mendelssohn
Ravel
Vivaldi
Wagner
Bartók
BELLINI
Berlioz
Bizet
Donizetti
Franck
GERSHWIN
HANDEL
HAYDN
Mahler
Poulenc
Prokofiev
Puccini
Rossini
Saint-Saëns
Shostakovich
Stravinsky
Tchaikovsky
Verdi
Attività organizzativa - FINANZIAMENTI
Highlights

Johannes Brahms

1833-1897

Il critico musicale Eduard Hanslick, contemporaneo del compositore, indicò in Brahms l'antagonista della "musica avveniristica" wagneriana, ascrivibile a quel filone romantico (al quale appartenevano anche Liszt e Berlioz) che intendeva trasferire nell'opera musicale i tratti letterari e collocava il fatto musicale all'interno di un programma che, affermando l'emancipazione rispetto al rigido impianto formale classico, ricercava una maggiore libertà espressiva.

 

Il secondo romanticismo musicale tedesco, turbato dal titanismo estremo di Richard Wagner, è invece attraversato da una profonda intimità in Brahms, nel quale la severa continuità con la tradizione classica si armonizza con il ricorso ad accenti romantici. La musica brahmsiana, orientata a un vivido sinfonismo e segnata dal sistematico spirito di rivisitazione della struttura compositiva, meditata e sofferta, si accompagna a una tendenza a prediligere la spontaneità dei tratti della musica popolare viennese e ungherese. La trama musicale, adagiata nello spirito di riflessione e ripiegamento, esprime un senso di affettiva profondità e di dolcezza poetica (soprattutto nell'ultima produzione pianistica e sinfonica).

 

 

In realtà fu la critica a fare di Brahms un epigono del classicismo, contrapposto a Wagner. Il suo rifiuto dell'"avvenirismo" wagneriano e l'estraneità al teatro musicale ne fecero un esponente di un filone in controtendenza rispetto alle avanguardie. Dal punto di vista della tecnica musicale Brahms fu tuttavia moderno allo stesso modo dei moderni suoi presunti "concorrenti". Nella fusione delle tecniche e nella ripetizione di generi il musicista amburghese esprimeva la propria anima decadente, rivolta alla reinterpretazione del passato, ma in forme diverse e innovative.

 

Questi brani sono stati da noi eseguiti in 621concerti realizzati nei seguenti teatri e città: Rapallo, Portofino, S.Margheritra Lig., Genova, Torino, Milano, La spezia, Udine, Venezia, Roma, Messina, Napoli, Monaco di Baviera, S.Pietroburgo, Tokyo, Parigi, Londra, New York, Stoccolma...

Highlights!

Highlights!